Coinvolgimento di gruppi target nel progetto

Origini e concettualità

La partecipazione è un principio fondamentale della Carta di Ottawa per la realizzazione pratica della promozione della salute. Fondamentalmente si parte dal presupposto che i progetti siano più efficaci e durevoli se le persone a cui si rivolgono vengono coinvolte attivamente nel processo di cambiamento. Queste conoscenze sono state acquisite da esperienze pluriennali con progetti comunitari e iniziative di cittadini ed è stato dimostrato che cambiamenti durevoli a favore della cittadinanza sono stati resi possibili unicamente se quest’ultima vi ha contribuito attivamente.

Partecipazione significa coinvolgere attivamente le persone nella pianificazione e nella realizzazione di progetti di promozione della salute. Ma che cosa significa coinvolgere? Si usa spesso la formulazione ”fare degli interessati dei partecipanti“, ma non tutti la intendono nello stesso modo. Ad esempio, si può già parlare di partecipazione allorché i membri del gruppo target vengono invitati a esprimere i loro bisogni, la loro opinione sul concetto realizzato oppure siedono in consigli consultivi e comitati? Questa domanda indica chiaramente la necessità di una definizione precisa di partecipazione.

Si parla di reale partecipazione allorché persone o gruppi possiedono un potere decisionale. Maggiore è questo potere decisionale, più elevato è il grado di partecipazione. Per la direzione del progetto si tratta di assegnare o condividere il potere decisionale, mettere in dubbio le proprie idee e far verificare intenti già programmati. Nella vita di tutti giorni non è cosa facile, in quanto spesso la pressione e l’obbligo di presentare dei risultati grava sulla direzione. Un approccio riflessivo alla partecipazione è pertanto indispensabile. All’inizio del progetto, la direzione deve decidere consapevolmente di quale forma di partecipazione avvalersi, in che modo realizzarla nonché comunicarla. Se ai partecipanti viene promessa la possibilità di condecisione, ma in realtà questa si rivela essere un semplice diritto di parola, nel gruppo regnerà frustrazione e demotivazione.

La partecipazione in pratica

Per rendere la partecipazione trattabile e operazionalizzabile da un lato e poter stimare in che misura essa viene attuata dall’altro, sono stati sviluppati dei modelli volti proprio a definirne il grado. Qui ne presentiamo due brevemente.

Modello funtasy projects

Questo modello è stato sviluppato in Svizzera sulla base delle esperienze con progetti giovanili partecipativi (fantasy projects). Esso contempla cinque fasi. Le prime due fasi 'Informazione' e 'Diritto di parola’ non sono classificate come vere forme di partecipazione, tuttavia rappresentano un presupposto importante della partecipazione. Le altre tre fasi 'Condecisione', 'Coinvolgimento' e 'Autogestione' sono invece reputate vere forme di partecipazione.

Modello Gesundheit Berlin

Un altro modello è stato messo a punto dal Centro delle scienze di Berlino (Wissenschaftszentrum Berlin, wzb) e da Gesundheit Berlin. Esso contempla nuovi livelli di coinvolgimento, suddivisi in quattro forme di partecipazione.

  • Non partecipazione: strumentalizzazione (1), educare e trattare (2)
  • Livelli precedenti la partecipazione: informazione (3), ascolto (4), coinvolgimento (5)
  • Partecipazione: condeterminazione (6), parziale competenza decisionale (7), potere decisionale (8)
  • Oltre la partecipazione: organizzazione autonoma (9)

Questi modelli facilitano la decisione del grado di partecipazione con cui si intende e si può realizzare un progetto.

Riferimenti bibliografici

  • Cultures & Santé (2009) Santé communautaire, Participation et Action Communautaire. Dossier thématique. Rédigé par Cultures&Santé, Centre de documentation. Bruxelles. [Link/Download]
  • Frehner, P.; Pfulg, D.; Weinand, Ch.; Wiss, G. (2004). Partizipation wirkt. [Link/Download]
  • Teuber, K; Stiemert-Strecker, S.; Seckinger, M. (Hrsg) (2000): Qualität durch Partizipation und Empowerment. Einmischungen in die Qualitätsdebatte. Fortschritte der Gemeindepsychologie und Gesundheitsförderung. Band 6. Tübingen.
  • Wright, M.; Block, M.; von Unger, H. (2007). Ein Modell zur Beurteilung von Beteiligung. Info_Dienst für Gesundheitsförderung, 3_07.
  • Ritenete che una vera partecipazione richieda troppo tempo e non sia realizzabile.
  • Il rapporto tra i rappresentanti del gruppo target è ambivalente.
  • Vi sono delle insicurezze metodologiche.

Coinvolgendo tempestivamente i rappresentanti del target nel progetto, aumentate le opportunità di calibrare obiettivi, strategie e misure al target e quindi le possibilità di successo, di trovare migliori approcci risolutivi per i vostri interventi, di promuovere un buon rapporto tra il team e il gruppo target e preparate così il terreno per l’ottenimento di buoni risultati.

  • Tenete conto della partecipazione come di un elemento essenziale per il successo del vostro progetto.
  • Utilizzate i modelli a disposizione.
  • Decidete consapevolmente il grado di partecipazione e definite le persone a cui volete rivolgervi.
  • Aderite a un processo di sviluppo e se necessario richiedete un sostegno metodologico.
  • I rappresentanti del target sono o sono stati coinvolti nella realizzazione e nella valutazione del progetto?
  • Esiste una chiara idea di partecipazione nel progetto e le forme di partecipazione sono state definite?
  • Quali altre possibilità ci sarebbero di ampliare la partecipazione dei gruppi target?
Ultima modifica: 20 agosto 2012 13:52