Promozione Salute Svizzera

Preparazione della valutazione

La valutazione è un elemento chiave dei cicli di sviluppo negli interventi di prevenzione e promozione della salute (v. p.es. il Public Health Action Cycle - PHAC) e di conseguenza è anche un elemento centrale del sistema qualitativo quint-essenz. Nell’ambito di progetti, la valutazione comprende la raccolta e l’analisi sistematica di informazioni relative ai diversi aspetti di un progetto o intervento e la loro analisi critica. Nell’ambito della valutazione si possono mettere in luce diversi aspetti come p.es. la pianificazione, l’implementazione, il raggiungimento degli obiettivi, l’efficacia, l’efficienza economica, ecc. La valutazione si distingue da altre procedure di determinazione come p.es. il controlling o l’assessment della qualità in quanto la raccolta e l’analisi dei dati avvengono in base a metodi di ricerca scientifica e nel contesto di solide conoscenze scientifiche.

Da quale prospettiva avviene la valutazione?

Si possono distinguere diversi tipi di valutazione in funzione della loro prospettiva temporale e contenutistica. Si è consolidata la seguente distinzione:

Le valutazioni della pianificazione (ex-ante) si svolgono nella fase di sviluppo del progetto o del programma, ancora prima che le misure siano implementate. Tali valutazioni analizzano le condizioni quadro e verificano se le risorse umane, organizzative e finanziarie disponibili come pure le misure previste sono adeguate per il raggiungimento dei risultati che il progetto persegue.

Le valutazioni di processo fanno riferimento alla realizzazione delle misure e all’andamento del progetto e si svolgono in genere durante la fase di implementazione. Le valutazioni di processo consentono una consulenza in tempo reale e l’adozione tempestiva di misure correttive; per questo sono definite anche valutazioni formative. La valutazione di processo contribuisce all’ottimizzazione dei processi di implementazione e di conduzione del progetto e fornisce informazioni importanti per la valutazione globale di un progetto.

Le valutazioni d’impatto (ex-post) analizzano i risultati di un progetto e valutano l’impatto delle misure realizzate. Per questo sono definite anche valutazioni sommative, valutazioni di bilancio o di risultato. Questo genere di valutazione si svolge in genere verso la fine del progetto, al termine degli interventi. Con la valutazione di risultato si fornisce un rendiconto sull’esito del progetto agli attori interessati e ai soggetti che vi hanno partecipato.

 localizzazione della valutazione nelle diverse fasi di progetto

La valutazione viene richiesta sempre più spesso nell’ambito di progetti di prevenzione e promozione della salute per determinare l’efficacia dei progetti, ma spesso l’esecuzione di una valutazione rappresenta una grande sfida a causa della complessità del settore, della dilazione nel tempo degli impatti e della molteplicità dei fattori esterni. La determinazione degli impatti sulla base di rapporti causa-effetto inequivocabili è difficile all’interno di contesti sociali e in genere non è sostenibile. In questo contesto la valutazione si deve piuttosto limitare a informazioni plausibili riguardo ai risultati e ai rapporti causa-effetto ai livelli più svariati.

Valutazione della qualità del progetto

Per una valutazione mirata della qualità di un progetto si rivelano utili i criteri qualitativi di quint-essenz. I 24 criteri, con i relativi indicatori, consentono una riflessione dettagliata e mettono in evidenza i punti di forza specifici e il potenziale di miglioramento. I risultati della valutazione permettono di formulare obiettivi e misure qualitative al fine di migliorare la qualità del progetto. La valutazione qualitativa può essere effettuata in tutte le fasi di progetto, ma è particolarmente indicata verso la fine della fase di concezione poiché permette di apportare misure correttive importanti prima dell’inizio della fase di implementazione.

Standard e principi di valutazione

Diverse società di valutazione nazionali hanno elaborato una serie di standard, linee guida e principi per le valutazioni. L’osservanza di questi standard consente di evitare eventuali errori e delusioni nel quadro della valutazione.

Riferimenti bibliografici

  • Palumbo M. (2001). Il processo di valutazione: decidere, programmare, valutare. Milano: Franco Angeli.
  • Patton, M. Q. (2011) Developmental evaluation. Applying complexity concepts to enhance innovation and use. New York: Guilford Press.
  • WHO-Europe (2001). Evaluation in health promotion. Principles and perspectives. WHO regional publications. European series, No 92.
  • Non ha previsto risorse sufficienti per la valutazione.
  • Non dispone della competenza tecnica per pianificare e realizzare misure di valutazione.
  • I risultati della valutazione forniscono una base solida per il prosieguo e la conduzione del progetto.
  • Una prospettiva professionale esterna è preziosa poiché permette di individuare gli “angoli morti”.
  • Gli esiti positivi della valutazione forniscono una legittimazione importante agli interventi.

Se vi sono interessi divergenti e inconciliabili occorre redigere una lista della priorità. La valutazione non può esaminare tutti gli aspetti possibili.

Con l’ausilio del modello di quint-essenz si può allestire un concetto di valutazione nel quale sono illustrate e documentate le tematiche principali. Il concetto di valutazione può essere usato per richiedere un’offerta agli istituti o agli esperti di valutazione.

  • Ha tenuto sufficientemente conto della valutazione nella concezione del progetto e nel budget?
  • Ha chiarito da quale prospettiva dovrà essere eseguita la valutazione? Quando dovrà essere eseguita e con quale focus?
  • È stato stabilito chi è responsabile della (auto)valutazione?
Ultima modifica: 17 dicembre 2012 21:28